Tag Archives: Tavolo Interventi Civili di Pace

Pace Difesa

Difesa disarmata

Anche in Italia, dopo la Germania, i giovani potranno scegliere di svolgere il Servizio civile nei Corpi Civili di Pace (Ccp). Dopo vent’anni anni di proposte e pressioni delle associazioni pacifiste e nonviolente, riunite nel Tavolo Interventi Civili di Pace (www.interventicivilidipace.org), il 30 dicembre il governo ha finalmente compiuto un primo passo concreto: la pubblicazione

Continua

Tavolo Interventi CIvili Pace logo

Inizia nel 2016 la sperimentazione dei Corpi Civili di Pace

Finalmente parte in Italia – nell’ambito del Servizio Civile Nazionale – la sperimentazione dei Corpi Civili di Pace (CCP). Un passo importante che pone  le basi per la realizzazione di più ampia e strutturata “difesa civile, non armata e nonviolenta” in situazioni di conflitto e di emergenze ambientali. A due anni esatti dalla legge finanziaria

Continua

Ragazze Servizio Civile

Chi ha paura dell’impegno dei giovani per la pace?

Tra la risoluzione dell’ONU e i freni del governo italiano Lo scorso 9 dicembre è passata piuttosto sotto silenzio nei media italiani un’importante risoluzione, approvata all’unanimità, del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite (la n. 260/2015) che riconosce – per la prima volta in un documento ufficiale – il ruolo attivo che i giovani possono svolgere

Continua

Tavolo Interventi CIvili Pace logo

A Natale i bandi per i Corpi civili di pace, “attesi da due anni”

La sperimentazione venne finanziata nel dicembre 2013. La soddisfazione del Tavolo Interventi Civili di Pace, ma “nel frattempo gli accordi e i progetti ipotizzati dalle associazioni italiane con partner in loco nei paesi di conflitto sono diventati obsoleti” Lo scorso 15 dicembre, in occasione della “Giornata dell’obiezione di coscienza e del servizio civile” e del

Continua

Al lavoro per la Pace

Presto i volontari per le aree di conflitto

Via libera a un contingente di 500 giovani, dei quali 300 entro l’anno. G­ra­zie ai Cor­pi ci­vi­li di pa­ce, 500 gio­va­ni in due an­ni (300 dei qua­li en­tro il 2015) do­vreb­be­ro par­ti­re per aree di con­flit­to, a ri­schio di con­flit­to o in emer­gen­za am­bien­ta­le, do­ve svol­ge­ran­no azio­ni di pa­ce non go­ver­na­ti­ve. Il pro­get­to – già

Continua